Ho dovuto aspettare per quel che è parsa un’infinità.

Ho dovuto sopportare la vista di meravigliose foto da località turistiche sparse per il globo mentre io ancora fissavo il monitor in ufficio.

Alla fine però, le tante agognate ferie sono arrivate anche per me.

Abbiamo scelto come mezzo l’auto in modo da poterci spostare liberamente durante il soggiorno. Unica pecca della questione: il passaggio obbligato dalla Slovenia, per soli 10 chilometri scarsi di autostrada infatti bisogna pagare la vignetta, 15€ per una settimana oppure 30€ per il mese. Se volete evitare questo costo (che vi consiglio data la durata del viaggio) ci sono dei semplici percorsi alternativi e assolutamente leciti che sono ben spiegati qui.

Su Airbnb abbiamo poi prenotato un piccolo appartamento a Poreč, in italiano Parenzo, una cittadina di mare tipicamente turistica con tutte le attrattive del caso: spiagge, sport, attività acquatiche, centro storico culturali e attività commerciali.

Il centro storico, che pone le sue radici nell’impero romano, è ricco di vie tra cui perdersi per apprezzarne i sapori antichi.

Perla da scoprire è il complesso della Basilica Eufrasiana, facente parte del patrimonio dell’UNESCO.

 

3 COSE DA FARE IN ISTRIA:

  1. Perdersi nel dedalo di vie dei centri storici delle varie cittadine
  2. Godersi i magnifici tramonti
  3. Apprezzare l’ottima cucina istriana

3 COSE DA EVITARE IN ISTRIA:

  1. Imboccare l’autostrada senza una quantità sufficiente di benzina
  2. Girovagare senza contanti in tasca
  3. Rimanere fermi in un solo posto 
Annunci